Amarsi come fondamento per essere amati

Partiamo dal presupposto che chi non si ama ha sicuramente problemi di autostima.

Detto ciò vediamo preliminarmente perché alcune persone non si amano. Una prima causa può essere dovuta al fatto che le persone più vicine fanno critiche e ammonimenti costanti. Un secondo motivo può essere una cocente delusione che ha minato le proprie certezze. Altra motivazione può essere ricercata nel passato del soggetto in quanto, spesso, chi non si ama non ha ricevuto affetto dai genitori ed ha quindi un retaggio di disistima e mancanza d’amore. Un’ultima causa di mancanza può derivare dalla difficoltà di superare certi limiti mentali come quello che considera non desiderabile “il diverso” (il malato, l’omosessuale, il disabile, ecc…).

In tutti questi casi si riscontra una matrice comune: il blocco è nella testa, nel proprio io pensante. Il limite è dato da ciò che noi pensiamo di noi stessi. A volte influenzato dal pensiero altrui, talvolta minato da un nostro disagio interiore…

La disistima per noi stessi nasce da dentro.

Può sembrare paradossale ma è così. Se non ci amiamo è perché scegliamo di non farlo.

Questa situazione però può mutare, se lo vogliamo davvero. Possiamo scegliere di amarci, di cercare ciò che di bello possediamo e puntare su quello.

Chi desidera essere amato deve per prima cosa impare a volersi bene. Gli altri si riflettono nei nostri occhi. Una persona che si stima e si ama darà un’immagine positiva di sé. Chi, al contrario, è insicuro e non si considera all’altezza fornira’ una fotografia di sé negativa.

Tutto parte da noi.

“Amare sé stessi è una storia d’amore lunga tutta una vita” diceva Oscar Wilde.

È esattamente così che vanno le cose. Chi riesce a raggiungere un grado di autostima elevato e impara a prendersi cura di sé stesso attirerà amore e ammirazione e non si sentirà mai solo.

Spendo ancora una parola per chi si vede “diverso” perché non conforme alle regole sociali o perché prigioniero di taluni schemi mentali. Chi si considera tale ha una visione errata di sé stesso. Vede la diversità come qualcosa di negativo, come un limite. Il consiglio è di guardare la propria particolarità come qualcosa di speciale, fuori dagli schemi… Imparando a valorizzare i propri punti di forza la diversità può trasformarsi in un marchio distintivo, un super potere…

I limiti sono solo nella nostra mente. Impariamo a superarli, a valorizzarci ed essi scompariranno. Impariamo a volerci bene e ogni cosa che prima ci sembrava impossibile diventerà alla nostra portata.

Amarci è il più grande dono che possiamo farci.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...